13 marzo 1995

Il regista danese Lars Von Trier pubblica a Copenaghen il Manifesto del Collettivo DOGMA95, noto anche come “Voto di castità”. Suo obiettivo principale è infatti quello di depurare il cinema dalla “cancrena” degli effetti speciali e dagli investimenti miliardari. I punti fondamentali che in esso vengono stabiliti sono:

  1. Assenza di scenografia: le riprese vanno girate sulla location;
  2. Assenza di colonna sonora: ogni suono non deve mai essere prodotto a parte rispetto al girato;
  3. La macchina da presa deve essere portata a mano;
  4. Il film deve essere a colori, ma realizzato senza ausilio di luci speciali o filtri;
  5. Il regista non deve essere accreditato.

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo adesso con i tuoi amici:

Non perdere anche questi articoli:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.