Il Divismo al femminile nella storia del cinema

Con la nascita dell’industria cinematografica, non tardò a manifestarsi, da parte del pubblico, una tendenza a mitizzare coloro che nelle pellicole avevano il ruolo di protagonisti. E’ così che andarono creandosi veri e propri divi, ovvero icone altamente simboliche nella vita della gente comune, che tentava a volte di imitarne usi e costumi. Il termine…

Il Gabinetto del Dottor Caligari (1920) – Wiene

Per l’artista espressionista ciò che è esterno è apparente. Egli intende piuttosto rappresentare ciò che è interiore. […] Attraverso l’espressionismo noi comprendiamo come la realtà sia irrilevante e come l’irreale sia potente: ciò che non è mai esistito, ciò che è stato solo percepito, la proiezione di uno stato d’animo verso l’esterno. (Robert Wiene) Trama…

The Believer (2001) – Bean

Odio e amo! Chi può dirmi perchè? Da queste premesse, prese in prestito da Catullo, prende le mosse un film che di quel sentimento ossimorico intende mostrare le estreme conseguenze: è infatti la storia di un ebreo nazista, una sorta di contraddizione in termini dunque. Daniel è un ebreo che odia gli ebrei: li odia…

Il Circo (1928) – Chaplin

Il Circo è la concentrazione silenziosa dell’Arte di giocare senza dire nessuna parola, l’antiteatro, la tecnica dei sordi e dei muti, i grandi attori del mondo. Charlie Chaplin Trama Charlot, “inconsapevole ladro”, per sfuggire alla polizia fa un’irruzione maldestra nel tendone di un circo proprio durante lo spettacolo. Il proprietario, inizialmente inferocito, deve constatare l’ilarità…

La Grande Guerra (1959) – Monicelli

Sentinella: Chi va là? Jacovacci: Ma che fai, aho, prima spari e poi dici chi va là? Sentinella: E’ sempre mejo ‘n amico morto che ‘n nemico vivo! Chi siete? Jacovacci: Semo l’anima de li mortacci tua!” Sentinella: E allora passate! Trama 1916: Chiamata alle armi. Il romano Oreste Jacovacci (Alberto Sordi) ed il milanese…

TOP 10: Miglior Attrice Protagonista dal 2000 al 2009

Se dovessi stilare una classifica sulle interpretazioni femminili che ti stanno più a cuore del primo decennio del ventunesimo secolo, cosa ne verrebbe fuori? Di seguito, ti propongo la mia! N. 1 – Isabelle Huppert – La Pianista Il personaggio è quello di Erika, un’insegnante di pianoforte che dietro la sua algida maschera nasconde profondi…

La Palla n. 13 (1924) – Keaton

V’era nella sua comicità un gelido soffio non di pathos, ma di malinconia… (James Agee) Trama Protagonista della pellicola è il proiezionista di una sala cinematografica con aspirazioni da grande detective. Accusato ingiustamente di furto, riesce, tramite una proiezione onirica, a diventare Sherlock Jr., il più scaltro investigatore di tutti i tempi, e a risolvere il…

L’Atalante (1934) – Vigò

Qui entriamo a pieno titolo nella rosa dei film più belli della storia del cinema. Un’opera fatta di atmosfere e suggestioni, del tutto libera da un qualsivoglia schema narrativo. Il suo sviluppo è “istintivo” e spontaneo. La sua cornice spaziale evocativa. Gli spazi aperti, la nebbia… i turbamenti notturni…le chincaglierie raccolte in cabina da Jules,…

Ragazze in Uniforme (1931) – Sagan

A seguito della morte della madre, la giovane Manuela, figlia di un soldato prussiano, viene inviata in un collegio femminile per ottenere un’opportuna educazione. Nel collegio, le ragazze vengono istruite all’ordine e alla disciplina, oltre che alla moderazione come strada per la loro integrità morale e spirituale. Il carattere sensibile di Manuela mal si adatta…

La Febbre dell’Oro (1925) – Chaplin

Dobbiamo ridere in faccia alla tragedia, alla sfortuna e alla nostra impotenza contro le forze della natura, se non vogliamo impazzire (Charlie Chaplin) Trama Charlot parte alla volta dell’Alaska in cerca d’oro. Sorpreso dalla bufera, trova riparo in un rifugio in cui già è presente un ospite: si tratta di un fuorilegge, Black Larson. Ben…